COVID-19 Le iniziative di ricerca DPSS - Progetti in corso

Progetti di ricerca con raccolta dati in corso: partecipa all'indagine

  Apprendimento a distanza e benessere scolastico dei bambini con sordità o ipoacusia tra i 6 e i 13 anni

Ambra Fastelli (DPSS), Barbara Arfé (DPSS), Gian Marco Marzocchi (UniMiB)

La scuola rappresenta un elemento fondamentale del complesso sistema nel quale il bambino cresce e del quale i pari, gli insegnanti, e la famiglia sono parte. È il luogo nel quale bambini e ragazzi vivono molte esperienze fondamentali per l’acquisizione di abilità cognitive, competenze sociali ed emotive, e per la costruzione del senso di sé (autostima e autoefficacia). L’emergenza coronavirus e le conseguenti disposizioni del Ministero della Salute hanno portato alla chiusura improvvisa delle scuole, all’interruzione dell’insegnamento frontale e all’attivazione della didattica a distanza. Queste direttive hanno comportato l’improvvisa necessità di fronteggiare sfide e problemi nuovi, che ha colto alla sprovvista molte realtà del territorio italiano. L’accesso alla didattica è stato condizionato dalla copertura territoriale della banda larga e al possesso dei dispositivi elettronici da parte delle famiglie. È stata necessario un improvviso riadattamento degli stili, delle tecniche e dei materiali di insegnamento da parte degli insegnanti, mentre gli studenti hanno dovuto adottare nuove modalità di elaborazione, apprendimento e socializzazione. A questo, si sono sommate ulteriori difficoltà specifiche nel caso di bambini con bisogni speciali. Ad esempio, nel caso dei i bambini con sordità o ipoacusia, ascoltare la voce dell’insegnante e dei compagni filtrata dai dispositivi elettronici senza poter vedere chiaramente volto e movimenti labiali di chi parla può essere impegnativo (Erber, 1974) e rendere ancora più stancante l’elaborazione del parlato (“listening fatigue”), inficiando le capacità di apprendimento (Bess & Hornsby, 2014; Hornsby et al., 2014). Inoltre, l’alterazione dell’intellegibilità e della comunicazione rischiano di compromettere la percezione della competenza sociale ed il senso di inclusione dei bambini sordi (Most, et al., 2012). D’altra parte, l’accelerato utilizzo delle nuove tecnologie ha anche reso disponibili nuovi strumenti di supporto impensabili nel contesto scolastico tradizionale. Ad esempio, la generazione automatica di sottotitoli, l’ingrandimento automatico delle labbra, e l’utilizzo delle chat e altri strumenti digitali potrebbero aver avuto un effetto compensatorio sul benessere scolastico (inteso come successo scolastico e aspetti relazionali) dei bambini sordi e ipoacusici.
Questa situazione senza precedenti rappresenta quindi un’opportunità per valutare (per la prima volta) pro e contro della didattica a distanza e valutare i suoi effetti sul benessere scolastico dei bambini con sordità e ipoacusia.
Scopo della ricerca. Questo studio, condotto dalla Dott.ssa Ambra Fastelli (Unipd) e dalla Prof.ssa Barbara Arfé (Unipd) in collaborazione con il Prof. Gian Marco Marzocchi (UniMiB), propone di indagare i fattori in gioco nell’apprendimento a distanza e del loro effetto sul benessere scolastico dei bambini con sordità o ipoacusia tra i 6 e i 13 anni attraverso due questionari compilabili online: uno rivolto a genitori/tutori e uno per gli insegnanti. Grazie alla collaborazione di genitori ed insegnanti, sarà possibile raccogliere informazioni fondamentali per comprendere meglio i fattori che contribuiscono al benessere scolastico dei bambini con sordità e ipoacusia. Questa conoscenza sarà utile a promuovere le strategie di sostegno all’apprendimento più efficaci ad assistere gli educatori, gli insegnanti, e le famiglie di bambini con sordità o ipoacusia, anche in prospettiva di un più diffuso utilizzo delle nuove tecnologie per la didattica in futuro.

--- Questionario per INSEGNANTI
Sei un/a INSEGNANTE e hai uno o più alunni con sordità o ipoacusia tra i 6 e i 13 anni?
Vuoi aiutarci a capire che effetto ha avuto la chiusura della scuola e l'avvio della didattica a distanza sul benessere scolastico dei tuoi alunni e come si può migliorare la didattica online?
Partecipa al questionario dei ricercatori dell'Università di Padova e di Milano Bicocca e condividilo in rete!
Link: https://shr.link/insegnanti

--- Questionario per GENITORI
Che effetto ha avuto la chiusura della scuola e l'avvio della didattica a distanza per l'emergenza coronavirus sul benessere scolastico dei bambini e ragazzi con sordità o ipoacusia tra i 6 e i 13 anni? Come si può migliorare la didattica online?
Sei un GENITORE o TUTORE e vuoi aiutare i ricercatori dell'Università di Padova e di Milano Bicocca a rispondere a queste domande? Partecipa al nostro questionario e condividilo in rete!
Link: https://shr.link/genitori

  Didattica a distanza durante l’emergenza COVID-19

Irene Mammarella, Ughetta Moscardino, Maja Roch

Il tempo che i ragazzi trascorrono a scuola è un momento importante sia per le opportunità di apprendere, sia per poter stabilire relazioni tra pari. L’alleanza scuola-famiglia è fondamentale per raggiungere tali obiettivi poiché permette di creare un progetto condiviso, incentivando e promuovendo un continuo dialogo costruttivo tra le parti coinvolte. L’emergenza sanitaria dovuta all’epidemia di Covid-19 ha causato un profondo cambiamento in tale alleanza, che ora dev’essere ripensata per permettere un adattamento quanto più positivo delle famiglie e dei ragazzi stessi. In particolare, l’introduzione della didattica a distanza ha avuto un forte impatto sul rapporto tra insegnanti, studenti e genitori, generando talvolta difficoltà e ansie in tutto il nucleo familiare. Gli alunni più piccoli possono infatti risentire della mancanza dei banchi di scuola e della figura dell’insegnante, i più grandi della mancanza delle relazioni interpersonali nel contesto scolastico, mentre i genitori si sentono investiti di un ruolo difficile e oneroso, quello dell’insegnante.
Il presente studio si inserisce all’interno di questo contesto per indagare, in diversi Paesi (Belgio, Brasile, Cina, Germania, Italia, Olanda, Regno Unito e Svezia), come e quanto i cambiamenti legati all’istruzione scolastica influenzino non solo l’apprendimento del bambino, ma anche il contesto familiare. Conoscere gli effetti della didattica a distanza è infatti essenziale per comprendere al meglio non solo come implementarla, ma anche come strutturare il prossimo anno scolastico per sopperire alle mancanze di questa particolare situazione.
Più nel dettaglio, lo studio utilizza un questionario online rivolto ai genitori, con almeno un bambino di età scolare che sta attualmente usufruendo di didattica a distanza, per rilevare la percezione dei genitori relativa alla qualità e all’impatto della didattica a distanza, per confrontare le difficoltà incontrate attualmente con la condizione precedente e per evidenziare caratteristiche specifiche che potrebbero aver favorito o ostacolato l’adattamento a questa nuova condizione.
E’ possibile partecipare alla ricerca collegandosi a questo link
https://www.soscisurvey.de/Didatticaadistanza/

  Quarantena da COVID-19: impatto psicologico in individui con sindrome di Down e a sviluppo tipico

Lanfranchi Silvia, Professore Associato, DPSS
Onnivello Sara, Dottoranda, DPSS
Pulina Francesca, Borsista, DPSS
Marcolin Chiara, Tirocinante Post-Lauream, DPSS
Agarri Panigutti Dominique, Studentessa, Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica
Simonelli Beatrice, Studentessa, Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Clinica dello Sviluppo

L’emergenza sanitaria COVID-19 ha portato un cambiamento nella quotidianità di tutti i bambini italiani e questo, come accaduto in emergenze sanitarie precedenti in altre nazioni (Brooks et al., 2020; Sprang & Silman, 2013), può avere avuto un impatto sulle routines quotidiane e sul benessere psicologico dei bambini e dei loro genitori. Questo impatto rischia di essere anche maggiore in bambini con sviluppo atipico, quali ad esempio quelli con la sindrome di Down. Infatti, in bambini e ragazzi con sindrome di Down, fattori quali la presenza di una determinata routine quotidiana, l’inclusione scolastica, il contatto con i compagni o con il gruppo dei pari e lo svolgimento di terapie abilitative sono di fondamentale importanza per supportare lo sviluppo nelle sue più diverse sfaccettature (per esempio l’apprendimento delle autonomie, sociale, scolastico). Tuttavia, in questo periodo, molte delle attività, sia abilitative,  sia scolastiche, sia ricreative sono state sospese o modificate a causa (e durante) dell’emergenza sanitaria COVID-19 e questo può avere avuto un impatto sul benessere e i comportamenti del bambino. Inoltre per queste famiglie, la diminuzione o interruzione dei supporti e il maggior carico nella gestione dei diversi aspetti dello sviluppo possono aver creato ulteriori preoccupazioni che si sono andate a sommare a quelle vissute da tutte le famiglie a causa dell’emergenza. Per tale ragione, la presente ricerca si propone di indagare l’impatto che la quarantena può aver avuto sull’organizzazione giornaliera, su quella scolastica, sulle terapie e sul benessere di bambini e ragazzi (dai 3 ai 16 anni) con sindrome di Down e dei rispettivi genitori, anche in confronto con i coetanei a sviluppo tipico.

Per partecipare alla ricerca (come genitore di bambino/a-ragazzo/a con sindrome di Down), compilare il questionario online al seguente link:
https://psicologiapd.fra1.qualtrics.com/jfe/form/SV_6r0JaLF8kkzeA4t

Per partecipare alla ricerca (come genitore di bambino/a-ragazzo/a a sviluppo tipico), compilare il questionario online al seguente link:
https://psicologiapd.fra1.qualtrics.com/jfe/form/SV_5AWZUXxE5vr2YZL

 

  La motivazione allo studio ai tempi del COVID-19

Sonia Zaccoletti e Lucia Mason

La motivazione scolastica è un costrutto ampiamente studiato in psicologia dell’educazione. Secondo la teoria degli obiettivi di riuscita, la motivazione è la ragione per cui uno studente si impegna nello studio, che sia per interesse a padroneggiare un argomento (obiettivo di padronanza), o per ottenere un buon voto in una verifica (obiettivo di prestazione), o per evitare di fallire in un compito dimostrandosi incompetente (obiettivo di evitamento). Nonostante le numerose ricerche e i diversi strumenti implementati per la valutazione di questo costrutto, motivare gli studenti allo studio rimane un compito tutt’altro che facile. La situazione attuale causata dalla diffusione del COVID-19 ha portato allo sconvolgimento della quotidianità di ciascuno di noi. Tra le misure restrittive adottate per il contenimento del virus SARS-Cov-2, quella di rimanere a casa propria sembra essere la più difficile in quanto ci porta a dover ristrutturare radicalmente le nostre abitudini.
Se in condizioni di normalità può essere difficile per uno studente trovare motivazione allo studio, che impatto può avere la condizione di isolamento forzato sulla motivazione? La presente ricerca ha il principale scopo di rispondere a questa domanda. Più nel dettaglio, lo studio ha lo scopo di indagare l’impatto delle misure restrittive adottate per contenere la diffusione del COVID-19 (isolamento forzato o quarantena) sulla motivazione allo studio di studenti di scuola primaria e secondaria di  I° grado, così come percepito dai genitori, chiamati a collaborare per lo svolgimento dei compiti, specialmente quelli assegnati nella scuola primaria,  in forme e livelli diversi da quelli  precedenti alla pandemia attuale.
I partecipanti saranno infatti genitori di studenti della scuola primaria e secondaria di I° grado che verranno reclutati attraverso i social media (es., Facebook). I genitori compileranno un questionario on-line, attraverso la piattaforma Qualtrics, diviso in 2 parti principali: il primo riguardante la motivazione del/della figlio/a allo studio in situazione di normalità e il secondo riguardante la motivazione allo studio del/della figlio/a durante il periodo di isolamento forzato. I risultati della ricerca potranno darci un’idea sull’impatto che sta avendo la situazione di quarantena sulla motivazione allo studio degli studenti con il tentativo di individuare eventuali strategie volte alla promozione della motivazione allo studio nella situazione drammatica di emergenza che stiamo vivendo. La ricerca sarà condotta in collaborazione con i colleghi della Faculty of Psychology and Education Sciences presso l’Università di Porto, Portogallo.

Per partecipare allo studio, cliccare sul seguente link:
https://psicologiapd.fra1.qualtrics.com/jfe/form/SV_6m3pKFfYsHw2OmV

  La sessualità di coppia al tempo della quarantena

Marta Panzeri , Roberta Ferrucci , Angela Cozza , Lilybeth Fontanesi

L’emergenza mondiale recentemente scoppiata a causa della diffusione del Covid-19 ha causato drastici cambiamenti nella vita quotidiana della popolazione italiana e mondiale. Questi cambiamenti hanno inevitabilmente influenzato la sfera sessuale delle coppie. L’obiettivo dello studio è quello di individuare i cambiamenti nella sfera sessuale delle coppie durante la quarantena e nei mesi successivi e le variabili che li hanno provocati. Verranno misurate variabili relative alla vita sessuale (frequenza e tipo delle attività, soddisfazione, problemi ed eventuali cambiamenti), il livello di ansia, depressione e stress, i sintomi fisici dimostratisi in letteratura correlati alla sessualità  e la qualità del rapporto di coppia. Verranno anche indagate variabili direttamente correlate al Covid19 (paura del contagio ecc.)  e i possibili motivi dei cambiamenti osservati. Tali variabili verranno studiate in uno studio longitudinale a cadenza quindicinale.
Parallelamente si condurranno dei focus group online per indagare come e se è cambiata la sessualità e a che cosa i partecipanti attribuisco tale cambiamento.
Verranno studiate solo le coppie che stanno convivendo durante l’emergenza per escludere variabili di confusione determinate dalla lontananza obbligata.  Si ipotizzano: un peggioramento globale della sessualità dovuto all’aumento di emozioni negative quali ansia, paura, rabbia, paura del contagio e stress, che attivando il sistema simpatico hanno un effetto nocivo sulla risposta sessuale; un impatto di maggiori tensioni di coppia che studi precedenti hanno dimostrato aumentare durante una quarantena; un aumento della dipendenza da cyber sex; un aumento dei sintomi fisici con ricaduta negativa sulla funzione sessuale.

Questo è il link per il questionario:
https://psicologiapd.fra1.qualtrics.com/jfe/form/SV_5bA42O0hSo25nHD

Questo è il link per i focus group per le donne:
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScGm7mTCCMVtEWmPt0Tmn3OWkmR7nyPWIEYRigWd1WE7_nrAQ/viewform?usp=sf_link

Questo è il link per i focus group per gli uomini:
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScoTgVSI8dfIcCW-re9pogcVFh83CRkzlpY12EalqjH3vi9yw/viewform?usp=pp_url

  I CARE Impegno Civico, Atteggiamenti e fattori individuali e sociali di Reazione durante e dopo l’Emergenza da covid-19

La situazione di emergenza come quella che viviamo in questi giorni ha generato un forte impatto sulla nostra quotidianità, sui nostri stili di vita, sulle nostre relazioni sociali, sul modo di intendere il nostro rapporto con le Istituzioni e con la comunità alla quale apparteniamo.
Come affrontiamo questa nuova e sconosciuta condizione? Quali risorse individuali mettiamo in campo per sfidare questo cambiamento? Come sta cambiando il nostro senso di responsabilità e di impegno civico nei confronti della piccola e grande collettività alla quale ci riferiamo?
Per rispondere a queste domande un gruppo di psicologi di diversi Atenei italiani e stranieri ha messo a punto un questionario da compilare online per rilevare in modo sistematico queste dimensioni e per ragionare – una volta ottenuti i risultati – sulle strategie e sulle azioni da proporre a genitori, insegnanti, operatori sociali e della politica per favorire il benessere psicologico individuale e dei gruppi e, soprattutto, per sostenere la non facile transizione verso una nuova normalità.
Alla ricerca prendono parte adolescenti, giovani, adulti e anziani di diversi paesi europei. Lo studio prevede tre rilevazioni proprio nell’intento di valutare i cambiamenti nel tempo delle dimensioni esplorate e valutare la portata delle trasformazioni che si sono prodotte: la prima ad aprile 2020 (T1), la seconda alla fine dello stato di emergenza (T2), la terza a distanza di tre mesi dalla fine dello stato di emergenza (T3).

Il gruppo di ricercatori, coordinati da Sonia Ingoglia e Alida Lo Coco dell’Università di Palermo, è composto da:
Paolo Albiero (Università di Padova), Martyn Barrett (University of Surrey), Rosalinda Cassibba (Università di Bari), Sebastiano Costa (Università della Campania), Angela Costabile (Università della Calabria), Giuseppe Elia (Università di Bari), Cristiano Inguglia (Università di Palermo), Francesca Liga (Università di Messina), Pasquale Musso (Università di Bari), Maria Carmen Pichardo (Universidad de Granada, Spagna), Harriet Tenenbaum (University of Surrey, UK), Nora Wiium (Universitetet i Bergen, Norvegia).

Il progetto è stato approvato dal Comitato Etico dell'Università di Messina.

Per partecipare alla ricerca, compilare il questionario on line al seguente link:
https://surreyfahs.eu.qualtrics.com/jfe/form/SV_2rGChoQd3MiGz1b

  Intolleranza all’incertezza, cybercondria e ansia per la salute nel contesto di COVID-19

Gioia Bottesi - ricercatrice – DPG
Claudia Marino – assegnista DPSS
Vieno Alessio – Prof associato – DPSS
Marta Ghisi – Prof associato - DPG

Incertezza e salute sono concetti strettamente connessi: non è, infatti, possibile raggiungere una condizione di autentica e piena certezza riguardo alla salute propria e altrui. Nel contesto di emergenza sanitaria COVID-19, tale relazione appare lampante: ad oggi, non sono infatti ancora disponibili informazioni certe circa la diffusione, le conseguenze, il contenimento e il trattamento di COVID-19. Queste incertezze si modificano di giorno in giorno: l’Organizzazione Mondiale della Sanità fornisce costanti aggiornamenti su una condizione in continua evoluzione; nel contempo, si stanno diffondendo innumerevoli notizie incerte, sia positive sia negative.
Chi presenta difficoltà nella gestione dell’incertezza (intolleranza all’incertezza, IU) tende a ricercare in maniera ricorrente informazioni su un dato fenomeno incerto con l’obiettivo di aumentarne la certezza/diminuirne l’incertezza. Tale strategia spesso si rivela controproducente, andando a incrementare sia IU sia il distress psicologico legato alla sensazione di incertezza (Bottesi et al., 2019). Recentemente, il web si sta affermando come modalità preferenziale per cercare informazioni riguardanti la propria salute. Infatti, milioni di persone attualmente riferiscono di utilizzare i siti web per la ricerca online di sintomi e condizioni mediche percepite (Pew Internet & American Life Project, 2012). La cosiddetta “cybercondria” (McElroy & Shevlin, 2014) si riferisce a un aumento nell’ansia rispetto alla propria salute, risultante da un’eccessiva ricerca online di informazioni su sintomi e malattie. Nonostante la ricerca sul tema sia ancora agli albori, alcuni studi hanno mostrato che la cybercondria si associa ad ansia generalizzata, maggiori emozioni negative e sintomi depressivi (Bessiere et al., 2010), alla sfiducia nel proprio medico di base e a conseguenze negative per la salute psico-fisica (es., Radvin, 2008).
Il presente studio ha l’obiettivo di verificare il contributo specifico e congiunto di IU e cybercondria nel determinare incrementati livelli distress psicologico e sintomi di ansia per la salute nel contesto dell’emergenza sanitaria COVID-19.  La ricerca è rivolta a individui maggiorenni appartenenti alla popolazione generale italiana, ai quali è richiesto di compilare online (https://forms.gle/p7u1sDXR65xgNWv48) alcuni questionari self-report atti a valutare i costrutti di interesse e di rispondere ad alcune domande relative a COVID-19 (tratte e riadattate da Wang et al., 2020). I risultati che emergeranno dalla ricerca potranno essere utilizzati tempestivamente al fine di promuovere interventi psicologici di tipo preventivo e supportivo.

  Le percezioni di cambiamento nei vissuti degli psicoterapeuti durante lo svolgimento delle psicoterapie ai tempi del COVID19

Tommaso Boldrini, Arianna Schiano Lomoriello, Silvia Salcuni

Questa ricerca ha l’obiettivo di misurare le percezioni di cambiamento nei vissuti degli psicoterapeuti durante lo svolgimento delle psicoterapie, ormai svolte prevalentemente in modalità telematica, date le restrizioni per l'emergenza sanitaria del COVID-19. Il questionario, implementato su Qualtrics, si rivolge solo agli psicoterapeuti, è anonimo, si può compilare una sola volta e ha una durata di circa 10 minuti. Dopo alcune domande relative alle variabili descrittive (genere, età, orientamento teorico, anni di professione), vengono indagati i cambiamenti nella pratica clinica (psicoterapie telefoniche / videochiamate) e poi, tramite un Differenziale Semantico creato ad hoc, si misurano i vissuti degli psicoterapeuti nel confronto tra "prima" e "durante" il distanziamento sociale previsto dall'emergenza sanitaria in atto. Saranno indagati gli effetti delle variabili descrittive sulle percezioni di cambiamento dei vissuti durante lo svolgimento delle psicoterapie, così come le possibili differenze tra orientamenti teorici (psicodinamico vs. cognitivo comportamentale) e modalità telematiche attuate (telefono vs. videochiamata). La diffusione del questionario sta avvenendo tramite link, via whatsapp, email, e social network.

LINK: https://psicologiapd.fra1.qualtrics.com/jfe/form/SV_720QfB4I4XpM3Wt

  Come vivo la quarantena? Percezione del Cambiamento delle Abitudini e delle Emozioni nei Bambini al Tempo del COVID-19"

Giulia Bassi, Bianca Boldrini, Silvia Salcuni

La presente ricerca si rivolge a bambini e ragazzini tra gli 8 e i 14 anni ed è atta a misurare le percezioni di cambiamento nei delle Abitudini e delle Emozioni nei Bambini al tempo dell'isolamento sociale dato dalle misure di contenimento del COVID19, in un momento in cui la scuola è sospesa o ripresa solo via telematica, gli amici e i momenti di aggregazione non sono fruibili, così come lo sport e diversi hobbies, attività ancor più fondamentali nella vita di individui di questa età.
Il questionario, implementato su GOOGLE FORM, si rivolge inizialmente ai genitori per richiedere il consenso informato,poi è compilabile direttamente dai bamibini: per questo è strutturato in modo accattivante, leggero e semplice, e dura solo 10 minuti. Dopo alcune domande relative alle variabili descrittive (genere, età, anno di scuola frequentato), vengono dapprima indagate le condizioni di vita (con chi si vive ora, in che tipo di abitazione, con che sfoghi es. giardino/terrazzo) e, in seguto, si passa all'indagine relativa  ai cambiamenti e alla soddisfazione percepita nelle relazioni (in presenza vs. da remoto) e nelle emozioni provate "ora" in tempo di distanziamento sociale, rispetto a "prima". Attraverso un Differenziale Semantico creato ad hoc i bambini possono auto valutare e riflettere sulle loro percezioni di cambiamento emotivo. Il questionario si conclude con due domande: la prima domanda relativa alla "voglia" di ritornare alla vita di sempre e la seconda relativa al gradimento rispetto allo svolgimento del questionario stesso. Saranno indagati gli effetti delle variabili descrittive sulle percezioni di cambiamento delle abitudini e delle emozioni, così come le possibili differenze tra condizioni di vita e attività svolte. La diffusione del questionario sta avvenendo tramite link, via whatsapp, email, e social network.

LINK: https://forms.gle/kV236jiMxB8xu4439

  Benessere psicologico e distress durante l'emergenza covid-19

Lo studio multicentrico nazionale è promosso dall'Università degli Studi di Palermo in collaborazione con le Università di Napoli, Salento, Perugia e Padova. L'interesse è rivolto a valutare le condizioni di disagio collegate al distanziamento sociale e la loro evoluzione nel tempo (studio longitudinale), prevede due valutazioni in fase 1 e due in fase 2, distaziate circa 10-15gg, e un paio di valutazioni di follow up la cui data è da destinarsi in base alle nuove indicazioni ministeriali che via via saranno proposte. I soggetti volontariamente partecipanti sono cittadini maggiorenni italiani, delle più disparate condizioni socio economiche e lavorative (valutazione stratiticata epidemiologica), i cui dati saranno trattati in modo confidenziale. Il tempo di compilazione del questionario sarà di circa 10-15 minuti e dopo una breve scheda anamnestica, seguono alcuni questionari relativi a costrutti psicologici quali vissuti di paure per la malattia, stile di attaccamento, tendenze alla dipendenza da devices, tratti di personalità. Obiettivo della ricerca è valutare le condizioni di disagio collegate al distanziamento sociale e la loro evoluzione nel tempo (studio longitudinale), considerando come variabili di mediazione il tempo dell'isolamento,  la condizione lavorativa e di salute, i modelli relazionali prevalenti, le paure/aspettative rispetto alla malattia.

Link:
https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSc-qikmmldx6um-JP8BWCe68EtC4yV-IICUQocYCNZTV5Nh6g/viewform

  Benessere psicologico e percezione dello stress in gravidanza in contesto di esposizione all'emergenza sanitaria COVID-19

Chiara Sacchi, Assegnista DPSS
Pietro De Carli, Ricercatore DPSS
Alessandra Simonelli, Professore Associato DPSS

La gravidanza ed il parto rappresentano momenti di elevata vulnerabilità: prepararsi alla nascita di un figlio richiede disponibilità di risorse cognitive ed emotive, nonché di supporto diretto ed indiretto (Belsky, 1981). La letteratura segnala come condizioni di stress in gravidanza possano avere un effetto sul benessere del genitore e sulla crescita del feto (Goodman et al., 2018). L’Italia rappresenta uno tra i principali paesi colpiti dalla condizione di emergenza sanitaria da COVID-19. Le attuali misure di contenimento prevedono per un periodo di tempo non definito un isolamento abitativo e una riduzione di mobilità e accesso ai consueti servizi da parte della popolazione.
Inoltre, gli approcci più recenti allo studio della salute mentale infantile e della psicopatologia dello sviluppo mostrano come fattori di stress e/o esperienze avverse durante la vita gestazionale possono avere un ruolo sulle traiettorie di sviluppo del bambino (O’Donnell & Meaney, 2016).
L’esperienza di isolamento e lo stato allerta sanitaria possono significare un rilevante fattore di stress, comportando diverse difficoltà da logistiche a psicologiche, in particolare un potenziale un senso di insicurezza nell’accesso alle cure necessarie. Le donne attualmente incinte in Italia si trovano nell’eccezionale situazione di dover affrontare queste condizioni di vulnerabilità e stress simultaneamente.
Lo studio Benessere psicologico e percezione dello stress in gravidanza in contesto di esposizione all'emergenza sanitaria COVID-19 intende indagare i possibili effetti dell’emergenza sanitaria COVID19 e delle misure di contenimento adottate in Italia sul livello di benessere psicologico delle donne in stato di gravidanza e, successivamente, sullo sviluppo del neonato.
Nello specifico, lo studio ha l’obiettivo di misurare: i) i livelli di benessere psicologico delle donne incinte durante l'emergenza sanitaria in corso; ii) i livelli di stress e rischio percepito delle donne incinte durante l'emergenza sanitaria in corso; iv) l'impatto del benessere psicologico e dello stress percepito in gravidanza su esiti perinatali e di sviluppo.

Per partecipare alla ricerca, compilare il questionario on line al seguente link:
https://psicologiapd.fra1.qualtrics.com/jfe/form/SV_enh64iaNCTDpROJ

  Move on: Il ruolo delle componenti psicologiche nel mantenimento dell’attività sportiva durante le misure restrittive del Covid-19.

Irene Leo
Enrico Rubaltelli
Marta Caserotti

L’emergenza Covid-19 ha causato una situazione di potenziale sedentarietà forzata nonché l’aumento considerevole dei livelli di ansia. Diventa rilevante riuscire ad organizzare in modo ottimale la quotidianità ricavando nella propria abitazione lo spazio e il tempo per svolgere le varie attività. Tra queste, l’esercizio fisico favorisce non solo un buon funzionamento del sistema muscolo-scheletrico, ma migliora il benessere psicologico e la percezione dell’autoefficacia. Condizioni essenziali per la gestione dello stress e dell’ansia.
L’interesse del presente studio, inserito all’interno di un progetto di ricerca più ampio dell’EISPLab (Emotional Intelligence in Sport Psychology) dell’Università degli Studi di Padova, è quello di indagare le componenti psicologiche (motivazione, regolazione e percezione delle emozioni, ansia,..) coinvolte nella pratica sportiva durante le misure restrittive. La motivazione intrinseca e il piacere di fare attività fisica, assieme ad una buona regolazione delle emozioni, dovrebbero indurre le persone ad adattarsi meglio alla situazione di emergenza portandole a fare, o iniziare, l’esercizio anche con mezzi di fortuna e in spazi ristretti. Questa potrebbe anche essere la chiave del motivo per cui, a lungo andare, queste persone potrebbero arrivare al termine del periodo di isolamento in una migliore condizione psicofisica.

Per partecipare alla ricerca, compilare il questionario on line al seguente link:
https://bit.ly/2xAX8EOEISPLab_Sport

  Studio interculturale sui fattori di soddisfazione e stanchezza genitoriale durante la pandemia da COVID-19

I figli rappresentano una fonte importante di soddisfazione e gioia ma allo stesso tempo, in alcuni momenti, possono essere fonte di stanchezza: in questo particolare momento di "confinamento familiare" è possibile sentirsi sopraffatti, stanchi, in difficoltà nella gestione del lavoro, dei bambini, delle condizioni di vita in generale. Non c'è nessuna contraddizione, dal momento che questi due aspetti possono coesistere abitualmente, ed in particolare di fronte a situazioni come quella che stiamo vivendo in questo periodo di emergenza sanitaria.
Lo studio ha lo scopo di indagare se, e in che modo il periodo di confinamento familiare da COVID-19 possa aver modificato il rapporto genitore-figlio.
Il questionario è anonimo, ha una durata di circa 20 minuti ed è riservato a genitori che vivono in casa con almeno un figlio.
La ricerca è portata avanti dalle Professoresse Alessandra Simonelli (DPSS) e Marina Miscioscia (SDB) e dalle studentesse magistrali Francesca Dini e Chiara Ciarini.

Per partecipare, cliccare sul seguente link.
http://ip146179.psy.unipd.it/limesurvey/index.php/785571?lang=it

  ADOLESCENTI IN QUARANTENA! Percezione del cambiamento delle abitudini e delle emozioni negli adolescenti 15-19 al tempo del COVID-19

Elisa Mancinelli, Daniela Di Riso, Emilia Ferruzza, Giada Mondini, Giulia Bassi, Silvia Salcuni

La presente ricerca si rivolge agli adolescenti tra 15e 19 anni ed è atta a misurare le percezioni di cambiamento nei delle Abitudini e delle Emozioni degli adolescenti al tempo dell'isolamento sociale dato dalle misure di contenimento del COVID19, in un momento in cui la scuola è sospesa o ripresa solo via telematica, gli amici e i momenti di aggregazione non sono fruibili, così come lo sport e diversi hobbies, attività ancor più fondamentali nella vita di individui di questa età. Il questionario, implementato su GOOGLE FORM, si rivolge inizialmente ai genitori dei minorenni per richiedere il consenso informato. Poi il questionario è stato sviluppato appositamente per essere compilato dall'adolescente in prima persona ed in autonomia qualora abbia tra i 15 e 19 anni, è strutturato in modo accattivante, leggero e semplice, e dura solo 10 minuti. Dopo la richiesta di alcune informazioni anagrafiche, verrà chiesto di rispondere a diverse domande rispetto ai vissuti e alle emozioni relative al cambiamento nelle abitudini di vita, come il tempo condiviso in famiglia, le relazioni intime in generale, il non andare più a scuola e fare sport, la lontananza dagli amici e la percezione delle emozioni provate in questo ultimo periodo trascorso a casa.  Attraverso un Differenziale Semantico creato ad hoc gli adolescenti possono auto valutare e riflettere sulle loro percezioni di cambiamento emotivo. Il questionario si conclude con due domande: la prima domanda relativa alla "voglia" di ritornare alla vita di sempre e la seconda relativa al gradimento rispetto allo svolgimento del questionario stesso. Saranno indagati gli effetti delle variabili descrittive sulle percezioni di cambiamento delle abitudini e delle emozioni, così come le possibili differenze tra condizioni di vita e attività svolte. La diffusione del questionario sta avvenendo tramite link, via whatsapp, email, e social network.

LINK per la PARTECIPAZIONE:
https://forms.gle/LJLuN5QutSnQ8bYh8