Personale docente

Francesca Peressotti

Professore associato confermato

M-PSI/01

Indirizzo: VIA VENEZIA, 8 - PADOVA . . .

Telefono: 0498276582

Fax: 0498276547

E-mail: francesca.peressotti@unipd.it

  • Il Martedi' dalle 10:30 alle 12:30
    presso Via Venezia 8, piano 2, stanza 19
    Il ricevimento di martedì 12 dicembre 2017 è posticipato alle ore 12.00 a causa di un impegno istituzionale.

Per vedere la lista completa delle pubblicazioni (e scaricare i pdf) si consulti il link:

http://colab.psy.unipd.it/francesca-peressotti/

Pubblicazioni più recenti:

Scaltritti, M., Arfè, B., Torrance, M., & Peressotti, F. (2016). Typing pictures: Linguistic processing cascades into finger movements. Cognition, 156, 16-29. doi:10.1016/j.cognition.2016.07.006

Miozzo, M., Petrova, A., Fischer-Baum, S., Peressotti, F. (2016) The serial encoding of signs. Cognition, 154, 69-80. doi:10.1016/j.cognition.2016.05.008

Navarrete, E., Mahon, B.Z., Lorenzoni, A., & Peressotti, F. (2016). What can written-words tell us about lexical retrieval in speech production? Frontiers in Psychology, 6:1982. DOI:10.3389/fpsyg.2015.01982

Reynolds, M.G., Schlöffel, S. & Peressotti, F. (2016) Asymmetric Switch Costs in Numeral Naming and Number Word Reading: Implications for Models of Bilingual Language Production. Frontiers in Psychology 6:2011. doi: 10.3389/fpsyg.2015.02011.

Navarrete, E., Caccaro, A., Pavani, F., Mahon, B., & Peressotti, F. (2015). With or without semantic mediation: Retrieving of lexical representations in sign production. Journal of Deaf Studies and Deaf Education, 20(2), 163-171. doi:10.1093/deafed/enu045

Navarrete, E., Sessa, P., Peressotti, F., Dell'Acqua, R. (2015). The distractor frequency effect in the color-naming Stroop task: An overt naming event-related potential study. Journal of Cognitive Psychology, 27(3), 277-289 doi: 10.1080/20445911.2014.1002786

Scaltritti, M., Peressotti, F. Miozzo, M. (2015). Bilingual advantage and language switch: What’s the linkage?". Bilingualism: Language and Cognition. : http://dx.doi.org/10.1017/S1366728915000565

Navarrete, E., Pastore, M., Valentini, R. & Peressotti, F. (2015). First learned words are not forgotten: Age of Acquisition effects in the Tip-of-the-Tongue experience. Memory & Cognition, 43, 1085-1103. DOI 10.3758/s13421-015-0525-3

Scaltritti, M., Navarrete, E., & Peressotti, F. (2014). Distributional analyses in the picture-word interference paradigm: Exploring the semantic interference and the distractor frequency effects Quarterly Journal of Experimental Psychology. doi:10.1080/17470218.2014.981196.

Navarrete, E., Del Prado, P., Peressotti, F., & Mahon, B.Z. (2014).Lexical retrieval is not by competition: Evidence from the blocked naming paradigm. Journal of Memory and Language, 76, 253–272.

Scaltritti, M., Balota, D., & Peressotti, F. (2013). Exploring the Additive Effects of Stimulus Quality and Word Frequency: The Influence of Local and List Wide Prime Relatedness. Quarterly Journal of Experimental Psychology, 66, 91-107.

Navarrete, E., Scaltritti, M., Mulatti, C. Peressotti, F. (2013). Age-of-acquisition effects in delayed picture-naming tasks. Psychonomic Bulletin & Review, 20, 148-153. doi: 10.3758/s13423-012-0310-2.








Faccio parte del gruppo di ricerca
COGNITION AND LANGUAGE LABORATORY - CoLab (web page http://colab.psy.unipd.it/?page_id=1)

Le ricerche di cui mi occupo sono consultabili al link:

http://colab.psy.unipd.it/people-detail.php?ID=125

I miei collaboratori più stretti sono:
il dott. Eduardo Navarrete
il dott. Michele Scaltritti
la dott.ssa Cinzia Quartarone

I miei collaboratori più "lontanti" sono
Prof. Brad Mahon, Rochester University, US
Prof. Michele Miozzo, New School, New York, US
Prof. Michael Reynolds, Trent University, CA

Se vuoi fare da partecipante ad alcuni esperimenti del nostro laboratorio, consulta il sito del CoLab e clicca sul link Experiments nel menu in alto. Registrati e potrai partecipare alle sessioni sperimentali prenotando a tua discrezione la seduta.

PARTECIPA ed collabora all'avanzamento della ricerca!!!

Sei interessato alla LIS (Lingua Italiana dei Segni)? Contattaci, abbiamo bisogno di collaboratori!

Principali ambiti di ricerca:

"The powerful hand: Effetti dell'uso delle mani sulla cognizione".
Si studia come l'uso delle mani nei parlanti della lingua dei segni possa influenzare altri aspetti della cognizione.

"Linguaggio e produzione linguistica"
Si studia come i parlanti sono in grado di recuperare dal lessico mentale le parole approppriate. In particolare si studiano gli effetti del controllo cognitivo sulla funzione linguistica

"Linguaggio e bilinguismo. Il caso del dialetto"
Si studiano gli effetti del bilinguismo su altre funzioni cogntive.

"Leggere dal libro di carta o leggere dall'e-book? Effetti cognitivi della lettura digitale"

"Lettura e codifica delle lettere"
Si studiano gli effetti della elaborazione delle lettere nel processo di lettura sia negli adulti che nei bambini

Durante il I semestre del 2015-16 il Lab meeting si svolge il mercoledì dalle 15.00 alle 16.30. L'aula viene definita di volta in volta (per informazini scievere a enavarrete2007@gmail.com)


Attenzione a partire dal 20 novembre varierà l'orario di ricevimento

Research lines, with some of the specific issues proposed for PhD students:

1- Language production and comprehension

2- Deafness and sign language

2- Bilingualism, cognitive control, decision making

3- Writing processes





Per le nostre ricerche cerchiamo:

- parlanti della LINGUA ITALIANA DEI SEGNI

Se vuoi collaborare, invia una mail!! :)


Per l'esame di Tecniche di ricerca in psicologia cognitiva.
Come indicato nel Syllabus gli studenti devono prepare un progetto di ricerca da portare (o inviare per mail) il giorno dell'esame scritto. Deve trattarsi di un progetto di ricerca "originale", cioè di un un esperimento nuovo pensato dallo studente, ma basato su uno studio precedente già pubblicato. Questo articolo di partenza, che costituisce la base di partenza teorica, rispetto alla quale ci si pone una domanda di ricerca e si formulano delle ipotesi, è scelto dallo studente, in uno qualunque degli ambiti della psicologia cognitiva.

Nella stesura del progetto è necessario seguire questo schema:

1.Descrizione dell’articolo/articoli di partenza (ambito di ricerca, risultati ottenuti, spiegazione teorica) (max 500 parole)

2.Presentazione del progetto di ricerca suddiviso nelle seguenti sessioni

a) descrizione teorica ed operazionale dell’ipotesi (max 500 parole)

b) metodo: partecipanti, materiali e procedura (max 500 parole)

c) risultati attesi e conclusioni (max 500 parole)

3. Bibliografia